Sei in: Home > L'Istituto > Presentazione

Presentazione

Finalità formative di carattere generale.

L'istituzione scolastica non ha solo il compito di fornire agli alunni delle conoscenze, ma svolge un ruolo fondamentale di formazione dell'individuo e del cittadino.

A) Formazione dell’alunno come persona

L’Istituto si impegna a promuovere lo sviluppo equilibrato dell’alunno nelle seguenti direzioni:
potenziamento della fiducia nelle proprie capacità;
sviluppo dell’autocontrollo;
capacità di instaurare rapporti costruttivi e collaborativi.

B) Formazione dell’alunno come cittadino

L’Istituto si propone anzitutto di formare l’alunno come cittadino consapevole dei propri diritti e dei propri doveri verso la società, rispettoso dei diritti degli altri, capace di comprendere i fondamenti del vivere democratico e di operare con senso critico nelle proprie scelte, attento ai problemi sociali e ambientali, in particolare alle attuali emergenze (come immigrazione, integrazione ed emarginazione), sensibile ai problemi derivanti dalle varie forme di svantaggio.

C) Ottimizzazione dell’ambiente scolastico

Presupposto per il conseguimento delle precedenti finalità, e più in generale di tutte le finalità formative, è che la scuola offra un ambiente sereno. A questo scopo essa sviluppa in tutte le componenti il senso di responsabilità e di partecipazione ad un progetto comune, attraverso comportamenti improntati alla correttezza e basati su informazione e trasparenza.
Fondamentale per la realizzazione di un ambiente scolastico sereno è l’attenzione ai bisogni psicologici degli alunni; in particolare devono essere individuate con prontezza e affrontate le situazioni di disagio, attraverso il contributo mirato di esperti.

D) Ruolo della valutazione

L’Istituto si preoccupa che il momento della valutazione, che spesso è causa di ansietà e drammatizzazione, avvenga nella massima serenità. La valutazione va quindi al di là della semplice misurazione di una prova e scaturisce da una serie di elementi anche non strettamente cognitivi, come:
progresso rispetto al livello di partenza, impegno, interesse, partecipazione al lavoro scolastico, metodo di studio, crescita effettivamente realizzata dall’alunno sul piano della cultura e della persona.
Solo in questo modo la valutazione diventa momento formativo, che permette all’alunno di trarre ragione di progresso dalla conoscenza delle proprie difficoltà.

E) Prevenzione della dispersione scolastica

L’Istituto ritiene impegno prioritario mettere in atto tutte le strategie utili alla prevenzione della dispersione scolastica non solo per permettere ai singoli alunni di realizzare il loro percorso formativo, ma anche per svolgere nel modo migliore il proprio ruolo istituzionale.
Nei casi in cui si verifica disagio scolastico sia sul piano didattico che relazionale – ambientale, l’Istituto realizza, anche attraverso gli strumenti della flessibilità, interventi finalizzati al recupero.
Anche nella prospettiva della riforma della scuola media superiore, l’Istituto si propone di promuovere modalità e procedure didattiche e organizzative che permettano agli alunni che lo desiderano di passare da un indirizzo all’altro.

F) Rapporti scuola – famiglia

L’instaurarsi di un rapporto corretto e costruttivo tra i genitori degli alunni e le altre componenti scolastiche è fondamentale per il conseguimento delle finalità formative. Deve trattarsi di un rapporto corretto e collaborativo, basato sullo scambio reciproco sia di ampie e utili informazioni sia di suggerimenti e osservazioni.
Il rapporto si esplica nel completo rispetto dell’autonomia del lavoro dei singoli insegnanti, delle loro attribuzioni e funzioni, nella consapevolezza che la programmazione didattica è compito inalienabile del Collegio dei Docenti.

Finalità formative proprie dell’Istituto.

L' Istituto si configura come Polo di istruzione superiore ad indirizzo umanistico: questa caratterizzazione deriva non tanto dal rilievo di materie specifiche, quanto dall’impostazione complessiva degli studi.

Gli alunni, in una visione unitaria del sapere e della cultura, sono messi in grado di superare la separazione tra la conoscenza del mondo fisico e la conoscenza del mondo interiore e, nel momento stesso in cui compiono il proprio percorso formativo, diventano capaci di riflettere su di esso.

La consapevolezza metodologica e critica contribuisce a sviluppare negli alunni, al termine del corso di studi superiori, la capacità di affrontare in modo efficace e costruttivo problemi di natura diversa, sia nell'ambito di tutte le facoltà universitarie e di tutti i corsi post-secondari, sia in qualsiasi altro contesto, in particolare nello svolgimento delle attività lavorative anche in relazione alle nuove figure professionali.

L’abitudine a inquadrare storicamente i problemi e ad analizzarli criticamente anche nei loro risvolti sociali rende l’alunno persona particolarmente consapevole. Da questo punto di vista, dunque, l’Istituto, in quanto Polo di istruzione superiore ad indirizzo umanistico, offre strumenti particolarmente efficaci per la realizzazione delle finalità formative di carattere generale.

Organizzazione logistica.

L’Istituto di Istruzione Superiore “n. Machiavelli” e’ il frutto dell’unificazione didattica, funzionale ed amministrativa di due gloriose scuole della citta’ di Lucca: il Liceo Classico “N. Machiavelli” e l’Istituto Magistrale “L. A. Paladini”.

Da cio’ discende la disponibilita’ di un importante patrimonio logistico (sedi, patrimonio museale, biblioteche, laboratori ed aule speciali, attrezzature didattiche, attrezzature per la gestione amministrativa.
Per approfondire, sono a disposizione specifiche pagine di questo sito.

L’Istituto e’ articolato su due sedi: il Palazzo Lucchesini sito in via Degli Asili n.35, la storica sede del Liceo Classico; un ex convento seicentesco sito in via San Nicolao n.42, sede dell’ex Istituto Magistrale “L. A. Paladini”.
L’utilizzo dei locali e’ stato pensato nella prospettiva del miglior rapporto fra strutture e funzionalita’ d’uso, tenendo presente la forte crescita che ha interessato l’Istituto a partire dall’anno scolastico 2000-2001.
Sulla base di detta premessa e’ stata decisa la seguente utilizzazione:
Liceo Socio-Psico-Pedagogico, Liceo delle Scienze Sociali, biennio Ginnasiale, nella sede di via San Nicolao;
triennio del Liceo Classico, sede di via Degli Asili.

Se la fase di crescita continuera’, (tutti i segnali vanno in questa direzione), si porra’ il problema della insufficienza dei locali.
Inoltre, il fondamentale patrimonio museale in dotazione all’Istituto, richiama le istituzioni competenti ad una riflessione sulla individuazione di soluzioni che ne consentano la fruibilita’ al pubblico.
Per questo l’Istituto, sostenuto anche da centinaia di firme raccolte fra i genitori e piu' in generale fra cittadini, ha avviato una campagna di sensibilizzazione finalizzata all’acquisizione del Palazzo Andreani, ex sede dell’esattoria del comune di Lucca, che potrebbe risolvere in modo ottimale i problemi logistici connessi sia allo sviluppo delle attivita’ didattiche, sia della sistemazione delle collezioni museali.
Purtroppo, i nostri sforzi in questa direzione non hanno ancora dato risultati concreti. Cio’ nonostante, seguiremo con la massima attenzione ogni iniziativa che possa servire per il raggiungimento dell’obiettivo.

Organizzazione amministrativa

La sede legale dell’Istituto e’ in via Degli Asili N.35.
E’ quindi qui che sono ubicati gli uffici principali del Dirigente Scolastico e della Segreteria.

Tuttavia, nell’intento di rendere il servizio sempre piu’ efficace ed efficiente, sono attivi, presso la sede di via San Nicolao, sia un ufficio del Dirigente Scolastico, sia un ufficio segreteria.
Pertanto, gli studenti di questa sede e le loro famiglie, hanno garantita la medesima tempestivita’ nell’erogazione dei servizi, rispetto allo standard offerto agli utenti della sede di via Degli Asili.

Per indicazioni sulle modalita’ per contattare l’Istituto, e’ a disposizione la pagina specifica di questo sito.